La Cava - Centro socio-riabilitativo residenziale


INDIRIZZO: Via Salimbene da Parma, 39 Sesso, Reggio Emilia
TELEFONO: 0522 533150
EMAIL: lacavaresidenziale@asp.re.it
Il Centro socio-riabilitativo residenziale “La Cava” è un servizio socio-sanitario destinato a persone con disabilità fisica, intellettiva o plurima con diverso grado di non autosufficienza fisica o relazionale, prive del sostegno di familiari o per i quali non sia possibile la permanenza nella propria abitazione.
Il Centro ha tra le proprie finalità quelle di garantire percorsi educativi per il mantenimento e lo sviluppo dell’autonomia personale e sociale, interventi assistenziali per sostenere l’autosufficienza e favorire attività ricreative, occupazionali e di partecipazione alla vita sociale, in particolare nella comunità locale.
In relazione ai bisogni dei singoli ospiti ed in accordo con l’AUSL territorialmente competente vengono garantiti assistenza medica, infermieristica e trattamenti riabilitativi.
La capacità di accoglienza è fissata in un massimo di 18 persone con disabilità fisica, intellettiva o plurima con situazioni tali da impedire la loro permanenza in famiglia, di entrambi i sessi e di età tra i 18 e i 65 anni.
Le rette del Centro Socio Riabilitativo residenziale per disabili adulti sono stabilite da provvedimenti regionali e rese esecutive attraverso i Contratti di Servizio, aggiornati annualmente, che determinano il sistema di remunerazione del Servizio accreditato.
In esso lavorano un numero di Educatori e Operatori Socio Sanitari stabiliti dalla normativa vigente e definiti annualmente nel Contratto di Servizio tra A.U.S.L. e A.S.P. REGGIO EMILIA “Città delle Persone”.
 
Coordinatrice: Stefano Vannini
 


Modalità di accesso: acquisito il parere favorevole del Coordinatore, l’accoglienza e la composizione del gruppo degli ospiti del Centro è scelta e richiesta dai competenti Servizi sociali e sanitari, ai sensi dell’art. 7 della L.R. 2/2003, che provvederanno anche alla definizione del Progetto di vita e di cure di ciascun ospite attraverso la valutazione dell’Unità di Valutazione Handicap (UVH). La richiesta di accoglienza è seguita da uno o più incontri conoscitivi tra gli operatori del Servizio sociale, il Coordinatore del Centro, l’ospite e la sua famiglia.
 



 


Modalità di accesso

Carta dei servizi